Con Linda e Luca ...: Foto Posts Libri
Scuola: Cabri - Disegni - Sketchup

lunedì 12 aprile 2010

Think, write. Write, think.

This blog is like a personal diary.
I write my thoughts in it.

But it's more than that.
It is also somewhat like a magazine
where those that are interested may read about math, school and related topics.

Therefore I may not write as if it were a personal diary.
I obviously have to write considering those that may read it.
I may not make mistakes in it (or, at least, I have to try not to).
I may not write weak thoughts or write in an unpleasant way.
I have to try to keep a good quality in my posts.

That's all pretty good, 'cause it forces me to think.

Every post needs thinking to be written,
and every time I write, I end up having new thoughts.

Think to write. Write to think.
That's the leitmotif of a blog.

Of course it may also happen,
and that should be the aim of a blogger,
that the leitmotif for the readers becomes:
"I read to think and the more I think the more I want to read".

And, sorry Homer, if something's hard to do then it *IS* probably worth doing.

cheers,
guzman.

Why is this post in english ?
For no special reason.
Just for fun.

* 2 points to whoever translates the post into italian *

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Questo blog è come un diario personale.
Scrivo i miei pensieri in esso.
Ma è più di questo.
E 'anche un po' come una rivista
dove coloro che sono interessati possono leggere la matematica, la scuola e argomenti correlati.
Pertanto, non può scrivere come se fosse un diario personale.
Io ovviamente a scrivere in considerazione quelli che possono leggerlo.
Non posso commettere errori in essa (o, almeno, devo cercare di non farlo).
Non può scrivere pensieri deboli o scrivere in modo sgradevole.
Devo cercare di mantenere una buona qualità nei miei post.
E 'tutto piuttosto bene, perche' e 'mi costringe a pensare.
Ogni post deve pensare di essere scritta,
e ogni volta che scrivo, finisco per avere nuovi pensieri.
Pensa di scrivere. Scrivi a pensare.
Questo è il filo conduttore di un blog.
Naturalmente può anche accadere,
e che dovrebbe essere l'obiettivo di un blogger,
che il filo conduttore per i lettori diventa:
"Ho letto a pensare e più ci penso e più mi vuole leggere".
E, mi spiace Homer, se qualcosa è difficile da fare poi * * è probabilmente vale la pena fare.
Cheers,
Guzman.
Perché questo post in inglese?
Per nessun motivo particolare.
Solo per divertimento.
Dario.

Guzman ha detto...

Ok Dario,
ok corretto,

1 punti per la traduzione
perché è stato troppo facile,
ma hai ragione:
google translate
non era escluso.

bravo,
ciao.

Anonimo ha detto...

snif,se fossi venuta 20 min prima l'avrei risolto ank'io.............SNIFF!

Guzman ha detto...

Ilaria, giusto ?

Anonimo ha detto...

xDDDD

Guzman ha detto...

:)

Gama ha detto...

Prof, ma poi farà un video con le nostre macchine che viaggiano?

Guzman ha detto...

Ciao Dario,

allora:
io ero ben disposto a fare il video con le vostre macchine che viaggiano (ed avevo anche iniziato a preparare tutte le macchine)
ma poi mi era sembrato che non ci fosse tanto interesse
per cui mi ero fermato.
Comunque si può ancora fare.
Magari non subito perché al momento ho iniziato a mettere insieme i pezzi per fare il video sull'Iliade.

Una cosa che potete provare, se vi va, è provare a fare voi dei video con sketchup. E' molto facile.
Basta usare il comando:
vista -> animazione -> aggiungi scena.

E quando sono pronte le scene una fa:
file -> esporta -> animazione

ed il video è pronto,
è facile, fico e divertente.

ciao,
guzman.

Guzman ha detto...

Ah, Dario,

comunque nel filmato sulla grecia ci sarà il tuo Cavallo di Troia in movimento.

ciao,
guzman.

sofi ha detto...

THINK/WRITE e,tu lo fai spesso..

Guzman ha detto...

Già,

:)

Guzman.

sofi ha detto...

:)