Con Linda e Luca ...: Foto Posts Libri
Scuola: Cabri - Disegni - Sketchup

domenica 5 febbraio 2012

I nove sensi ... La slitta.

Linda a traino, stimolazione dell'apparato vestibolare.

Gli organi di senso nell'essere umano sono, almeno, nove.
Si, nove.
Sebbene a scuola si parli sempre solo di cinque.

I nove sensi dell'essere umano sono:
  •     La vista,
  •     L'udito,
  •     L'olfatto,
  •     Il gusto,
  •     Il tatto,
  •     La termopercezione,
  •     La percezione del dolore,
  •     La propriocezione,
  •     L'apparato vestibolare, o dell'equilibrio.
I primi sei della lista qua sopra sono i cosiddetti organi di senso esterocettori perché
sensibili a stimoli provenienti da fonti esterne vicine al corpo.

La termopercezione è l'apparato che ci permette di sentire le temperature
dell'ambiente circostante, grazie ai recettori nella pelle, e le temperature del nostro
stesso corpo, grazie ai recettori interni al corpo.


L'apparato di percezione del dolore ci permette di sentire il dolore
ma anche il pizzicore e il solletico.

La propriocezione è la capacità di percepire e riconoscere
la posizione del proprio corpo nello spazio e lo stato di contrazione dei propri muscoli,
anche senza il supporto della vista.
In altre parole: io so come è messa la mia gamba anche se non la vedo.

L'apparato vestibolare è sensibile alle accelerazioni e ci dà il senso dell'equilibrio.

______


Gli organi di senso sono ovviamente fondamentali per gli esseri viventi
perché permettono l'interazione con l'ambiente.

Gli organi di senso sono ovviamente cruciali nell'apprendimento:
non c'è apprendimento senza stimolo.

Gli organi di senso giocano un ruolo complesso durante le fasi di addormentamento
(di cui proverò a parlare prossimamente).

_______

Nella foto qua sopra io gioco con Linda a trascinarla su una "slitta" ...
Il gioco è nato per caso ma ho notato che Linda era interessata ...
probabilmente perché tale gioco stimola il suo senso dell'equilibrio,
così come avviene quando si cullano i bambini per addormentarli.
Ci tornerò su, perché la questione è molto più complessa di quanto possa sembrare,
almeno così mi pare.






Nessun commento: